Lucera - Torre Andriana
16407
page,page-id-16407,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Lucera

Cittadina della provincia di Foggia, posta a 240 m. s. m. su un’altura isolata, nella sezione occidentale del Tavoliere; ha una bella vista panoramica sulla Capitanata settentrionale, dal semicerchio delle colline subappenniniche al Gargano: da tale posizione, naturalmente forte, ha tratto origine e importanza storica.

Molti e importanti avanzi della città antica si ritrovano sotto la moderna città. Particolarmente notevoli i resti dell’anfiteatro, di un edificio, detto il palazzo imperiale, e di alcune cisterne d’acqua entro il recinto del castello di Federico II. Abbiamo notizia di un celebre tempio di Minerva, la cui identificazione è incerta, di varî altri templi e di un circo.

Sul terrazzo dirupato del colle dove fu l’acropoli dell’antica Luceria si eleva il castello, innalzato nel 1233 da Federico II, poi ampliato (1269-83) da Carlo I d’Angiò. Altissime cortine recingono il fortilizio angioino, a pianta di pentagono irregolare, rinforzato tutto intorno lungo i lati da torri quadrilatere e pentagonali: enormi e saldissime le due belle torri cilindriche “del Leone” e “della Leonessa”. Oltre tre ingressi ogivali secondarî, l’entrata principale ha un ampio portale a sesto ribassato all’esterno e a sesto acuto all’interno.

Entro il recinto angioino, risalgono forse all’età sveva i ruderi della rocca in forma di alta torre irrobustita al piede dalle vòlte rampanti: visibili ancora sono pure le rovine della chiesa di S. Francesco costruita da Carlo II d’Angiò. Dal medesimo re angioino fu pure iniziato il duomo (1300) misto di forme romanico-gotiche, fiancheggiato da una torre campanaria cuspidata con due piani di eleganti bifore e monofore.

All’interno, in tre navate a tetto e arcate gotiche, notevoli l’altare maggiore, un ciborio, un pulpito e sculture e affreschi del Rinascimento. Particolari modi strutturali del duomo, in specie negli sporgenti contrafforti dell’abside poligonale, ripete la chiesa gotica di S. Francesco, anche fondata da Carlo II d’Angiò: nell’interno sepolcro cinquecentesco di Giovannella Falcone e Antonio Santo y de Paglias. Nella chiesa di S. Domenico, coro ligneo di bella fattura barocca opera di Fabrizio Iannulo da Monopoli (1640).

Storia. – Pare che i Romani già vi ponessero piede nel 323 o 322; la dovettero abbandonare per effetto della clades caudina (321); la ricuperarono nel 315 o nel 314 e allora vi costituirono o ricostituirono una colonia latina, baluardo della latinità nell’Apulia. Dopo la guerra sociale fu municipio cittadino; una nuova colonia vi fu condotta probabilmente sotto Augusto. Fino al sec. III d. C. rimase come colonia latina, ebbe il diritto di coniare moneta; come comune cittadino appartenne poi alla tribù Claudia. Sotto Costantino fu capoluogo di una provincia.

Federico II ne fece una delle più forti rocche d’Italia contro papi e guelfi; l’affidò ai Saraceni – trapiantati colà 1224-25, 1234-35, 1239, 1246) da Val di Mazzara, da Acerenza e Girifalco – che si mantennero poi sempre fedeli e costituirono il nerbo e il nucleo permanente dell’esercito di Federico II e resero la città fiorente e ricca. Cacciati il vescovo e i pochi cristiani, Lucera divenne tutta saracena. Federico II vi tormava volentieri.

Lucera accolse Manfredi fuggiasco da Acerra e insidiato da milizie appostate fra Troia e Foggia; e dichiarataglisi presto fedele, lo fece trionfare del partito pontificio; si sollevò nel 1267 contro gli Angioini, sostenne bravamente sul campo Corradino, finché, bandita contro di essa la crociata dall’abate di Montecassino, fu presa e gravata d’un augustale a testa “pro exterminio Luceriae”; nuovamente ribelle nel 1270 essendo Carlo I crociato con il fratello Luigi IX, l’Angioino la riconquistò e sperando di assicurarsela lentamente, vi pose (1274-1278) 140 famiglie provenzali, cui concesse terre e privilegi. Ne derivò lotta serrata tra Provenzali e Saraceni; a metter fine al quale Carlo II ne ordinò la distruzione, dopoché Giov.

Pipino di Barletta l’ebbe con inganno presa e devastata (26 agosto 1300). Dispersi i Saraceni in varie comunità, vendutili come schiavi, fondò, poco lontano dalla fortezza, la nuova città di S. Maria. Adescò i nuovi popolatori cattolici con immunità per un decennio, concessioni di terre e molti privilegi. Essendo città demaniale, la monarchia mantenne il diritto di eleggere il vescovo e nominare alle primarie cariche capitolari: nuovo potente vincolo fra la città e il principato. Carlo, duca di Calabria, che ebbe Lucera nelle mani dal 1316 alla morte (1328), e Roberto le confermarono i privilegi.

Lucera sostenne Giovanna I, poi Carlo di Durazzo; patì danni nelle vicende della lotta fra Ladislao e Luigi II. Vide nuova prosperità iniziarsi con Ladislao che confermò e ampliò privilegi antichi e le concesse nuovi statuti per il suo governo amministrativo (1407). Il terremoto del 1456 rovinò parte del castello e 300 case; fu stretta d’assedio da Ferrante d’Aragona (1463), cui si diè l’anno dopo; fu baluardo di resistenza contro i Francesi nel 1496; centro di resistenza e di raccolta delle truppe di Navarro contro i Francesi di Lautrec nel 1528.

Infeudata nel 1646, resisté per aver salvi diritti e privilegi, si eresse a repubblica nel 1648 in seguito al moto masanielliano, ma solo nel 1692 fu definita a suo favore la lite col feudatario e ritornò al demanio. Capoluogo della provincia di Capitanata e del contado del Molise, fu soppiantata nel 1806 da Foggia. Con la Vendita “La Virtù premiata” partecipò alla diffusione e al moto carbonaro del 1820-21; d’accordo col gen. G. Pepe e pochi Foggiani, preparò la rivolta ad Ariano. Con la “Propaganda”, associazione repubblicana e mazziniana, partecipò ai moti del ’48; in rappresentanza della Capitanata, aderì alla “Federazione delle cinque provincie” convocata a Potenza. I capi del movimento insurrezionale, pur immaturi alla vita politica, diversi per convinzioni e precedenti politici, avversati dalle masse agrarie e operaie indifferenti o ostili alla causa nazionale, seppero però con coraggio affrontare il carcere e l’esilio; e più tardi validamente cooperarono, in un ambiente di migliore intesa cittadina e regionale, all’unità d’Italia.